Bellezza potente, fascino aggressivo, eleganza e lusso in combinazioni mai esplorate finora.
Ci sono barche che ti lasciano semplicemente senza fiato, con la sensazione di aver assistito alla nascita di un nuovo canone, alla determinazione di una nuova soglia del piacere di navigare.
Sono imprese progettuali e stilistiche che solo un leader come Ferretti Yachts si può permettere, grazie a un fantastico team di ingegneri, designer e professionisti, eredi e prosecutori della gloriosa tradizione nautica Made in Italy.
Ferretti Yachts 850 presentato in anteprima mondiale all’edizione 2016 del BOOT di Düsseldorf, è un altro straordinario capolavoro nella quasi cinquantennale storia di un marchio che ha conquistato i mercati internazionali grazie a una variegata flotta, attualmente composta da 8 modelli dai 45 ai 96 piedi.

Lo yacht, frutto della collaborazione fra Comitato Strategico di Prodotto Ferretti Group, Studio Zuccon International Project (per la progettazione degli esterni e del layout degli interni) e il Dipartimento Engineering del Gruppo (che si è occupato del progetto tecnico e navale e del design interno), sarà costruito negli stabilimenti di Cattolica, per debuttare in pubblico a inizio settembre.

“Ferretti Yachts 850 è una delle due novità assolute che il marchio presenta nel 2016, insieme al nuovo 45 piedi. Le mostreremo in anteprima nel corso dell’estate, prima del lancio mondiale al salone di Cannes” - ha commentato Stefano de Vivo, Chief Commercial Officer di Ferretti Group alla presentazione ufficiale a Düsseldorf.
“Ferretti Yachts 850 uno yacht di fondamentale importanza nell’evoluzione della gamma Ferretti Yachts, grintoso per design e prestazioni, seducente negli interni, paragonabili a quelli di un lussuoso loft di grande una metropoli internazionale. Siamo orgogliosi di presentare una barca che lascerà senza fiato chi avrà il piacere di salire a bordo e, in generale, gli appassionati della nautica di lusso.”

DESIGN ESTERNO
Le linee d’acqua derivano dall’apprezzato 80 piedi Ferretti Yachts e sono state adattate all’allungamento dello scafo, che misura 85,4 piedi (26 metri) con una lunghezza di costruzione inferiore ai 24 metri (LH 78,8 piedi), che ne permette la registrazione come imbarcazione da diporto.
Sin dal primo sguardo Ferretti Yachts 850 colpisce per il profilo deciso e seducente, in cui dominano angoli marcati che donano allo yacht forza e aggressività.
Le due finestrature a scafo trapezoidali con oblò integrati sono state oggetto di un profondo rinnovamento, che le rende filanti e molto ampie, a beneficio della luminosità naturale e della magnifica visuale che si gode dall’interno.
Questo specifico design diverrà elemento distintivo degli yacht più grandi del brand, differenziandosi da quello a tre vetrate separate che caratterizza invece i nuovi Ferretti Yachts di lunghezza inferiore agli 80 piedi.
Il ponte di coperta esalta, nelle sue forme, il dinamismo del progetto, grazie a una vetrata unica che taglia l’intera sovrastruttura, e alla quale si aggiunge l’ampio cupolino frontale e laterale in corrispondenza della plancia di comando rialzata. Il profilo è completato dal flybridge con roll bar in Vulcan Grey, secondo colore del brand in contrasto al bianco avorio.

ZONA DI POPPA E POZZETTO
Appena saliti a bordo, Ferretti Yachts 850 mostra un innovativo sistema che permette di godere al massimo dell’area di poppa. Il meccanismo apre a ribalta il portellone del garage, che diventa una spiaggetta fruibile come beach area, in grado anche di scendere sott’acqua offrendo agli ospiti un vasto piano sommerso e all’equipaggio un pratico modo per movimentare il tender (in garage c’è spazio fino a un William 385).
Un secondo tender o water toy è installabile a richiesta sul flybridge, insieme alla gruetta.
Si sale in pozzetto da entrambe le murate. L’area è dominata da un divano multifunzionale che, grazie allo schienale mobile, funge sia da chaise longue che da seduta per pranzare al grande tavolo esterno.
A dritta verso prua, sotto le scale per il flybridge, sono installabili vani storage e ice-maker, oltre ai comandi opzionali per l’ormeggio. Come in un maxi yacht, si scende in sala macchine tramite una porta sul montante di sinistra.

INTERNI DEL PONTE PRINCIPALE
Varcata la porta vetrata, si estende per 10 metri un open space organizzato in salone e sala da pranzo, pronto ad ammaliare lo sguardo grazie a scelte d’arredo che sembrano riscrivere lo stile architettonico di uno yacht.
Ferretti Yachts 850 si propone come una nuova icona di lusso, in grado di regalare l’inedita esperienza di vivere in un magnifico maxi loft circondato dal mare.
Il decoro è il risultato del processo creativo degli interior designer del Dipartimento Engineering di Gruppo insieme adesperti internazionali di trend research, che hanno voluto imprimere al progetto una forte discontinuità rispetto ai canoni tradizionali dell’arredamento di bordo, trasferendo in mare uno stile abitativo in linea con le ultime tendenze dell’architettura civile, caratterizzate da un minimalismo discreto e un’essenzialità non severa.
A dominare sono superfici dritte e rivestimenti lineari che non seguono le geometrie della sovrastruttura.
Anzi, attraverso pareti perpendicolari al pavimento, vetrate quasi a tutt’altezza, tendaggi leggeri e arricciati e massimo utilizzo di arredi freestanding, l’ambiente esprime un’eleganza contemporanea e metropolitana.
Il nuovo yacht è allestito con elementi di design Minotti, con cui Ferretti Group ha collaborato sia utilizzandone gli accessori, sia condividendo le scelte in merito all’essenza e ai disegni dei mobili strutturali.
Oltre la zona pranzo è inserita un’originale libreria a giorno con strutture aperte in metallo spazzolato e cubi contenitori in cristallo fumé, che separa il salone dalla lobby, lasciandole visivamente contigue fra loro.
La paratia di fondo, che sfuma dietro la libreria a giorno, è invece rivestita con un materiale ceramico Florim dal particolare effetto di pietra naturale e marmo.
Un altro elemento di novità è il cielino, formato da una serie di doghe trasversali in laccato che creano un dinamico effetto decorativo e rendono scenografica anche l’illuminazione artificiale, nascondendo allo stesso tempo le sorgenti di luce, gli sfoghi dell’aria condizionata e i diffusori audio.
La cucina è proposta in due layout: il primo la prevede a estrema prua, oltre la lobby e la plancia, completamente separata dalla zona ospiti. È fornita da Ernestomeda e attrezzata con ampio piano cottura; al suo fianco è stata allestita una comoda dinette, vicino alla discesa verso le cabine equipaggio.
Nel secondo layout, pensato in particolare per i mercati americani, la cucina è arretrata sulla murata di sinistra e arricchita da un cocktail bar affacciato sul salone. Questa soluzione rende ancora più conviviale l’atmosfera e permette di allestire una lounge a estrema prua, oltre la plancia.
La postazione di comando rialzata, con accesso dal camminamento a dritta e dalla lobby centrale, può essere raggiunta da comandante ed equipaggio anche dalle proprie cabine, senza dunque attraversare il salone centrale.

PONTE INFERIORE
Sottocoperta, Ferretti Yachts 850 è generoso di spazi per l’armatore e per i suoi ospiti.
L’ariosa suite padronale, sempre progettata in collaborazione con Minotti, ricalca lo stile del salone sul ponte principale. Oltre al letto matrimoniale centrale, è arredata a murata con una zona scrittoio, oltre a un ampio guardaroba e diversi vani storage.
Sulla parete di fronte al letto è installato lo schermo tv e, a estrema sinistra, una parete in cristallo parzialmente satinata verso la grande doccia del bagno armatoriale, allestito con doppio lavabo e servizi.
Alle spalle della suite, il serbatoio trasversale e la paratia coibentata minimizzano l’impatto sonoro della sala macchine.
Il ponte inferiore si sviluppa poi in due ampie cabine VIP matrimoniali, una centrale sulla sinistra e una seconda a estrema prua, mentre la quarta cabina a dritta prevede letti separati gemelli. Ognuna ha bagno privato con doccia separata. A estrema prua si trova la zona equipaggio, allestita con due cabine con letti a castello e bagno privato.



FLYBRIDGE E AREA ESTERNA DI PRUA
Il roll bar in Vulcan Grey sovrasta il ponte sole. L’armatore ha due possibilità per aumentare la zona ombreggiata: un hard top rigido esteso verso poppa oppure un hard top con un ulteriore prolungamento fisso e zona centrale con tendalino scorrevole o cristallo.
Il flybridge è arredabile interamente freestanding, per creare un dining e un living a propria discrezione.
A prua si trova invece la grande stazione di comando, con ampio divanetto dove può sedere il co-pilota.
Sempre a prua, ma a dritta, si trova il cocktail bar con diversi storage e piani di lavoro.
Una seconda lounge all’aperto, dove rilassarsi in assoluta privacy, è allestita sulla tuga. Progettata in family feeling con l’apprezzato allestimento presente su Ferretti Yachts 550, beneficia di spazi ancora più ampi ed è arredata con un grande prendisole centrale, dinette con doppia seduta e tavolo ribaltabile.
Su richiesta, la lounge può essere protetta da ombrelloni e tendaggi, per aumentarne l’esclusività e la funzione ludica, grazie anche al fatto che l’area tecnica per l’ormeggio è completamente separata a estrema prua.

MOTORIZZAZIONE E PRESTAZIONI
Ferretti Yachts 850 sarà equipaggiato con propulsori MAN. L’armatore potrà scegliere una coppia di V12 dalla potenza di 1.800 mhp, che permettono di raggiungere i 26 nodi ad andatura di crociera, e i 29 nodi come velocità massima. Disponibile anche la motorizzazione più potente, due MAN V12 da 1.900 mhp, che permetteranno di toccare i 27 nodi di crociera, e i 31 di velocità massima (dati preliminari).
Su richiesta, sono installabili Seakeeper o pinne idrauliche Zero Speed, per configurare lo yacht secondo le proprie esigenze di navigazione e ormeggio.